Prego


Signore,
grazie per averla sottratta alle mani allungate, alle dita sottili di chi non ha vergogna né pudore.
Grazie per averla sottratta anche alle speculazioni di chi crede di avere una risposta per tutto.
Mi preme il legittimo dubbio, mi sorregge l’impressione del libero arbitrio.
Ma se non ho più dubbi, e se non posso esercitare il mio sacro diritto a sbagliare, cosa resta del senso del tuo dono?
Una storia non vale per tutte, di fronte alla morte siamo tutti soli.
Non c’è regola che valga, sulla soglia della vita.
Rimane silente la norma, dove vale solo la regola della pace che ha nel dolore la via.
 
                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                      
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: