Colpi (di stato)


Nel gioco del domino dello scacchiere nordafricano, siamo alla Libia. Eventi eccezionali sfiorano le nostre vite. Quelli sono popoli per cui l’azione politica vuol dire la vita (o la morte), e semmai il rischio di guadagnare spazi di libertà.
Mentre l’amico libico sganciava bombe sulla folla, il nostro amico locale pensava al modo di non incomodare troppo il collega d’oltremare con ingerenze indebite negli affari interni.
Come dire che se vedo il mio prossimo che ammazza sua moglie, mi devo fare gli affari miei. Diciamo che rientra nel personaggio, e passiamola così.
La telefonata è partita solo alla voce, distribuita sempre dall’amico d’oltremare, che l’Italia avesse fornito i “drogati” di fionde e sputi per attaccare i poveri mercenari gheddafiani che potevano difendersi solo con razzi e missili.
Che ingiustizia.
Il nostro è stato solerte nello smentire le voci, e ha distolto un secondo il pazzo assassino dal suo pasto di sangue, per ricordargli che noi – da questo lato del mediterraneo – mai ci sogneremmo di spazientirlo.
Pare che la lista dei dittatori che cadranno in coma dopo la propria caduta, sia destinata a salire. Ma in coma non siamo anche noi, tutti? Anche noi – come loro – siamo già caduti dalla condizione “predominante”?
Il mondo cambia in fretta, e noi non abbastanza.
I libici (quelli drogati, va da sé) avevano proposto alle Nazioni Unite una ragionevolissima “no fly zone” su Tripoli. Io capisco che questo avrebbe significato innervosire un ottimo amico del nostro paese, ma magari avrebbe impedito una mattanza raccapricciante.
Neanche questo. Se stiamo fallendo i nostri stessi obiettivi è perché lo vogliamo con tutte le forze.
Vergogna.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: