Chernobyl


Una ciminiera da era pre-post industriale, uno stabilimento rugginoso e malmesso già prima dell’ultimo e più grave disastro. A questo ci siamo ridotti come confine ultimo (e valicatissimo) dell’ingegno umano. Poco più di un pentolone a pressione alimentato invece che a carbone o a petrolio  (materiale comunque si voglia molto più vicino anche culturalmente al focolare), da una reazione atomica.

Niente di bello o elegante, in questo.

Una tecnologia poco meno che incontrollabile, in mano a dei tecnici, quando dovrebbe essere ancora nelle mani degli scienziati. L’oggetto di un esperimento, venduto come una salvifica soluzione dei problemi energetici.

Vorrei in questo distinguermi da una folla vociante di persone che sono contro il nucleare a prescindere.

Cerco di essere ragionevolmente contro QUESTO nucleare.

E questo per motivi economici (data la necessità di cospicui investimenti pubblici), del tempo di attivazione (che se va bene si attesta sui dieci anni), e sulla durata (la durata di un impianto dovrebbe essere di venti anni, ma in realtà gli impianti vengono mantenuti in attività perché nessuno sa come smantellarli). E poi le scorie, già. E il pericolo di incidenti.

Consiglio anche di guardare le foto di questa blogger (http://www.kiddofspeed.com/chernobyl-revisited/) giusto per rendersi conto di cosa significhi un incidente grave. E se è potuto accadere anche in Giappone, vuol dire che in nessuna parte del mondo possiamo essere tranquilli. Improbabile, non impossibile. Questo è il problema…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: