Marino d’inverno


Non cessa di stupirmi l’ostinazione cieca e sorda dell’uomo che cerca con tutte le forze di combattere contro i mulini a vento.

Tale mi appariva e mi appare Marino, nella sua discesa in campo a Roma.

La sincera ammirazione per l’uomo e per le sue ragionevoli battaglie, si scontravano contro il muro dell’irragionevole posta: il tentare il tutto per tutto contro e non a favore del PD a Roma.

Covo di vipere, o branco di squali, che aspettavano solo il malcapitato che potesse riportarli al potere.

Usi a spartirsi il bottino con l’agognato avversario da battere, ma anche da accompagnare nelle sue vicende tra le più sdrucite e impresentabili.

Quindi – adesso – giù tutti su Marino, che si è piegato ma non abbastanza.

La rovina della città – quella – è l’ultima delle variabili indipendenti che non si sa come, non si perché, qualcuno vuole invece legare alla rovina morale di una classe politica tra le più predatorie e scanzonatamente inadeguate di questa Italia che – pure – non è messa bene.

Situazione che non nasce a caso, ma da parto consapevole, anche se un pò distratto, da parte di un popolo semplicemente inadeguato alla cura di una città come Roma.

352-Marano-Giulio-mare-dinverno

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: