15 piccoli passi


Cosa dire di quello spazio che separa il resto del mondo dalla porta della tua camera?

Passo minato, terra di nessuno, campo aperto al tiro dei cecchini.

Lo percorro tutto, poi svolto a sorpresa.

Il mestiere di padre non è facile. Ora lo so.

Certo anche essere adolescenti non deve essere facile.

E’ un ricordo che non ho. Ricordo solo la melanconia.

Quella troppo evidente coscienza di sé, pur nella costante incapacità di governare sé stessi e gli eventi.

Però non devo fare grandi sforzi, dato che è ancora qui con me.

E tu? Mi sembri attorcigliata attorno alle liane delle tue speranze, e anche delle tue disperazioni.

I pianti, lo sguardo cupo. E poi a volte il sorriso, radioso e intelligente.

Come arrivare a te, così grande e in fondo così ancora insicura?

Il timore che tu perda te stessa nel troppo cercarti è grande.

Ma la strada – so – dovrà essere comunque e tutta tua.

Io – solo – non vorrei essere stato incapace di insegnarti lotta e non rinuncia, il valore della differenza e dell’equidistanza.

Ma questa è semina. E ora che è tempo di raccolto, non so cosa emergerà dalla terra.

Annunci

Una Risposta to “15 piccoli passi”

  1. SABATOBLOGGER 31. – I blog che seguo | intempestivoviandante's Blog Says:

    […] in gioco comunque, anche se non c’è speranza di vincere: un concetto che mi è molto caro. 15 piccoli passi è un post più personale, sul rapporto tra un padre e la figlia adolescente (eh, ne so qualcosa, […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: