AS – Stupidità Artificiale


Non c’è dubbio che il nostro atteggiamento nei confronti dell’IA è inquinato dal fatto che  i Computer esistessero già al momento della nostra nascita.

Lo stupore di chi queste macchine ha partecipato a creare, o anche solo ad utilizzare, nei primi anni del loro sviluppo doveva essere enorme. L’accorgersi di come alcune delle attività tipicamente umane, potesse essere demandato ad una macchina, deve aver provocato sensazioni coesistenti di sgomento, entusiasmo, incredulità.

Quindi il concetto di Intelligenza Artificiale fu nei primi tempi con tutta probabilità ingigantito.

Per noi, che i computer li abbiamo già trovati più o meno esistenti, il pericolo è stato ed è l’opposto.

Certo uno ZX-81 non può neanche essere paragonato ad un oggetto che oggi ci mettiamo al polso.

Eppure, per noi appare chiara la demarcazione tra attività che si possono delegare ad un calcolatore, ed attività ancora proprie dell’essere umano (più o meno) senziente.

Per noi è abbastanza scontato che un calcolatore possa fare operazioni logiche anche molto complesse e in maniera molto veloce; è naturale che lavori su simboli, ma in maniera assolutamente “stupida”.

Tutta questa sicurezza, però, non ci consente di vedere come l’avvento del calcolatore abbia già modificato radicalmente il nostro stesso modo di considerare l’intelligenza.

Cento anni fa, sarebbe stato normale considerare “intelligente” un sistema che fosse in grado di fare previsioni meteorologiche, o finanziarie. Assumere decisioni relative a scenari complessi, identificare tendenze sociali, o più semplicemente vincere partite a scacchi contro campioni umani.

Oggi, parlare di intelligenza in casi come questi è considerato azzardato. Semmai di “intelligenza”, tra virgolette.

Io non so se un giorno esisterà davvero una macchina in grado di esprimere opinioni dubitative, o in grado di recepire e interpretare non simboli, ma sensazioni.

Però per sua natura dovrà essere una macchina la cui capacità sarà – per l’appunto – di esprimere opinioni, e non certezze.

Opinioni magari fondate, ma opinioni, proprio perché basate su un numero di elementi insufficienti.

Anche se farà di tutto per farle apparire come verità, ça va sans dire.

E quindi sarà l’ennesimo spaccone mascalzone, di cui l’umanità già non ha penuria.

Cretino

Annunci

Tag: , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: