Odio à la carte


Viviamo tempi difficili.

Ma non vorrei mai trovarmi a navigare in un mare burrascoso, senza aver almeno tentato di farmi un’idea di dove sto andando e perché.

Riflettendo sui motivi  per i quali siamo tutti un pò meno sicuri, in questo inizio di millennio, mi vengono in mente alcune questioni, con alcune considerazioni dal mio punto di vista che è banale e disinformato ma che cerco di mantenere sui binari della logica politica:

  • cos’è l’Islam?

consideriamo l’Islam un’unica religione, ma a ben vedere non c’è maggiore somiglianza tra Sunniti e Sciiti che tra Cristiani, Protestanti ed Ebrei. Anzi, uno Sciita susciterà maggiore odio in un Salafita, che un Cristiano

  • siamo davvero nel centro del mirino?

mi sembra ci troviamo di fronte ad una violenza pandemica globalizzata, è lì dove ci sono i recettori lì si “attiva” la violenza, ma per motivi a ben vedere locali, se non addirittura interni al cervello malato di alcuni (direi sfortunati, ma credo sia meglio dire “disgraziati”, con tutte le sue accezioni)

  • di quale tipo di considerazione gode la lotta jihadista nei Paesi Arabi?

ecco su questo punto ho più di qualche dubbio, nel senso che putroppo la trasparenza sui media occidentali delle vicende politiche dei Paesi Arabi è scarsissima se non inesistente. Certo, l’impressione è che la condanna non sia generalizzata, e che gli Jihadisti siano visti – anche con un pò di sussiego – come “fratelli che sbagliano”. Sbagliano sì, ma nei modi, non nel fine… temo.

  • qual è l’obiettivo di IS o Al Qaeda con la “copertura ideologica” degli attacchi in Europa?

certo, sono ipotesi. Però parto da una considerazione: normalmente le ragioni per cui scoppiano le guerre sono politiche. Normalmente le questioni religiose vengono usate per ammantare scopi politici. E – di più – essendo le spinte politiche, non possono che avere dimensione “locale”. Dichiaro la Jihad perché voglio unificare la penisola arabica. Oppure dichiaro la Jihad perché voglio il controllo politico in Bangladesh, e via discorrendo. Allora perché IS dovrebbe essere interessato ad organizzare attacchi in Europa o negli Stati Uniti (oltre quelli cui “bonariamente” dà la sua copertura?). Forse il tentativo è proprio di provocare la vittoria in Europa e negli US di quelli che vogliono una guerra vera e propria contro IS, che nell’idea di IS dovrebbe auspicabilmente favorire un’unificazione contro lo straniero.

E speriamo che si sbaglino.

Perché – temo – che con questa (in)capacità politica dei moderati, presto in risposta alla violenza ci saranno politiche di violenza ed estremismo in tutto l’occidente, con buona pace di tutti quelli che non credono che questa sia la soluzione, ma il problema.

Tan2015-8-15_33538470_2-620x350

Annunci

Tag: , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: