Dei criteri di scelta del personale politico (ed altre quisquilie così, un pò da sfigati)


C’è una cosa in maniera particolare che mi dà fastidio nelle modalità di rapportarsi alla politica dei Grillini, ed è lo strabismo.

Dei problemi, si vede solo la parte di responsabilità dei politici, dimenticando tutto il resto.

Ed un’altra: l’idea che per fare il Politico, non serva avere alcuna preparazione. Il politico bon homme per così dire.

L’abbiamo visto. Anche perché nel criterio assai prossimo al caso, per la selezione dei candidati in auge nel “Movimento”, può capitare di trovare anche persone in gamba.

Può capitare. Ma bisogna proprio essere fortunati.

Perché il punto è tutto lì: il politico lo può fare chiunque. E questo ci sta, figuriamoci. Ma in quel chiunque si intende “senza avere una cazzo di conoscenza specifica”.

Che poi, è quello che in fondo – senza dichiararlo – praticava già il Berlusconi della prima ora. E già mi sembra l’esperimento non avesse sortito grossi risultati.

O quello che incarna, oggi, il Trump appena asceso (God bless us) alla stanza ovale, la “stanza dei bottoni” più potente al mondo.

Un commento: l’Americano medio deve essere ben incazzato, per farsi andare bene Trump.

“Andare a fari spenti nella notte, per vedere se è davvero tanto facile…” etc.

buio_297465847

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: