Il fallimento con cura


Siamo allo showdown del PD. Quello che dopo l’ulivo era nato come luogo di incontro di sinistra riformista e cattolici democratici.

Checché ne raccontino, il motivo dell’uccisione del partito dell’incontro risiede tutto nell’impossibilità della “ditta” di riprendere il controllo del partito, perduto alcuni anni fa, dopo fallimenti e disastri, calcoli di bassa lega (mal fatti) e appuntamenti mancati con la storia.

E’ la sinistra che continua a sentirsi irresistibilmente attirata dal proprio ombelico (o dal proprio dito pollice, se si preferisce), mentre dovrebbe sentire la responsabilità di trovare il modo per riformare questo Paese.

Ma niente, non funziona. Si preferisce ripetere la litania del lavoro e dei diritti. Peccato che sui diritti abbia realizzato più “il giovanotto” Renzi in poco meno di due anni che in 20 tutta la sinistra che ora pontifica dall’alto del proprio rigorismo morale.

E questo non per osannare Renzi, che i suoi errori li ha fatti tutti, ma per dire quanto poche motivazioni si dovrebbero trovare dall’altra parte, vista la fine che hanno e ci hanno fatto fare.

Alla fine, un no al referendum su una riforma cercata per un trentennio, deciso sulla base di nessun obiettivo, se non quello di far dispiacere a Renzi, senza sapere cosa se ne sarebbe poi cavato. E infatti non se ne è cavato nulla. Speravano di riprendersi il partito sulla base delle proprie belle speranze. E ora – dato che si sono accorti di essere ancora più minoranza – se ne vanno sbattendo la porta.

Tirando giù l’edificio, se serve.

Il loto ultimo atto per la sinistra, come la intendono loro.

images

Annunci

Tag: , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: