Posts Tagged ‘5S’

Il trollino di Foucault

21 giugno 2017

Per quali ragioni ci si concentra in città rumorose, sporche, affollate?

Ma è chiaro: per usufruire di servizi, alcuni dei quali in comunità più grandi sono più efficienti, altri in comunità più piccole semplicemente non ci sono.

Per dire: se voglio andare all’Opera, probabilmente in un piccolo centro non avrò questa possibilità e dovrò spostarmi in uno più grande.

E’ solo un esempio, non volevo dire che chi abita a Vulci è uno zotico, beninteso.

Comunque uno dei vantaggi dell’abitare in queste grosse, flaccide, puzzose città dovrebbe essere quello di avere un’offerta di servizi migliore.

In teoria. In pratica, noi che abitiamo a Roma, sappiamo quanto tutto questo sia teorico.

E veniamo al senso di Atac. Atac esiste per svolgere un servizio pubblico? Sì.

E’ efficace? No. E’ efficiente? Men che meno.

Qual è la colpa dei 5S in questo? Nell’insistere a voler considerare riformabile questo strumento quando invece è chiaro che lo sforzo per riformare ATAC è superiore – e di gran lunga – allo sforzo di ricominciare da capo.

Non è cattiveria. Capisco le preoccupazioni sui livelli occupazionali, sulle garanzie, e su tutte le altre belle cose che sono valide solo quando si parla di società pubbliche, e meno valide quando a subire i contraccolpi delle crisi sono dipendenti di società private.

Ma qui non siamo davanti ad una società che magari non è efficiente, ma è efficace (ie funziona ma costa troppo). O che magari non è efficace, ma intanto è efficiente (che sarebbe come a dire che costa poco ma non funziona).

No. Qui siamo stati in grado di creare un ircocervo che non funziona e – tanto per non farsi mancar nulla – costa un buco annuale di 500 milioni al Comune.

Allora la colpa dei 5S è di cercare di mantenere il pentolone sul fuoco, per squallidi calcoli post-elettorali (con tutto che lo sport di allisciare il pelo ai dipendenti delle municipalizzate è sempre stato molto diffuso, a Roma).

Oppure no, non si tratta nemmeno di squallidi calcoli elettorali (perché si sa, la politica è lo spazio vuoto tra due campagne elettorali), e sono davvero convinti che il loro potere taumaturgico e riformatore possa modificare le situazioni da terzo mondo di cui questa città è piena.

Perché si è convinti – prima di tutto – che non servano segnali, ma solo un onesto (!) lavoro di cesello, e tutto tornerà a posto.

Basterà il cesello per far sentire i cittadini romani un pò meno sudditi? Ma anche profittatori. Perché le medaglie hanno sempre due facce.

E – qui a Roma – come forse a Caracas o a Calcutta le due facce sono quelle di un apparato di servizi inesistente, con burocrazia maramaldeggiante e spocchiosa, e di popolazione oramai usa a considerare l’esercizio di propri diritti come risultato di una contrattazione mafiosa, e a ciò oramai usi da decenni.

Per un ATAC che non funziona, ma nemmeno in sedicesimo (e non dò certo la colpa ai grillini per questo, l’esempio dei trollini è soltanto un esempio), e che non si ha nessuna intenzione di colpire, così come non si può/vuole colpire la burocrazia cieca, fatta di piccole e grandi angherie, dove le uniche responsabilità vengono identificate nella classe “dirigente”: il politico, l’imprenditore, facendo un racconto che – per me – è parziale, ma che è anche più semplice da fare, e meno impegnativo.

Un racconto sulla base del quale si può poi difendere i livelli occupazionali di ATAC, o i vantaggi piccoli e grandi delle municipalizzate a Roma, ma anche certi discorsi sui dipendenti comunali, scivolosi quanto si pare ma che un giorno qualcuno dovrà pure affrontare, a meno di decidere di tenersi questa struttura dei costi (e della annessa qualità nulla dei servizi) fino alla fine dei giorni.

Quindi quello che rimprovero oggi – per ATAC, ma solo come esempio – ai 5S è di essersi venduti come la soluzione a tutti i mali di Roma, spacciandosi per la medicina nuova, ma rivelandosi poi – a distanza di un anno – nient’altro che la solita pappa, solo con il nome diverso.

Ma noi romani siamo così.

Chi volete che l’avrebbe votato un partito che si fosse presentato con un approccio davvero (magari sbagliando, perché no) completamente diverso?

Nessuno. Infatti guarda caso i Radicali Italiani nelle ultime elezioni hanno preso talmente pochi voti da non avere nemmeno un rappresentante in Consiglio.

E oggi promuovono un Referendum per la messa a bando del servizio di trasporto pubblico a Roma non essendo rappresentati nelle istituzioni. Quando si dice essere “fuori del palazzo”.

Ma in questo caso per colpa dei politici, degli imprenditori o dei faccendieri?

O perché – in fondo in fondo – al romano piace prendersela con gli altri, ma “manzo eh?”, quando si tratta del proprio miserevole tornaconto?

E’ caratteristica di tutte le società degradate che i diritti si frantumino in tornaconti risultando in una mancanza di interesse comune ai più per “cambiare” davvero le cose.

Roma non fa – purtroppo – eccezione.

pendolino

Annunci

Firma volontà

31 marzo 2017

Ho letto quest’articolo (di interesse locale, direi) sul consigliere Onorato.

Il Consigliere non lo conosco, però a giudicare dall’intervista, sembra dire cose di buon senso.

https://www.romadailynews.it/politica/onorato-marchini-firme-raggi-sto-ricevendo-insulti-sessisti-0306829

Normalmente preferisco commentare le azioni (o le inazioni) politiche della Raggi.

E da questo punto di vista, mi pare che uno dei (pochi) punti fermi che fin qui si sono visti, sia una strenua difesa dell’as-is.

Tutto l’opposto – penso – rispetto al motivo per cui la maggior parte dei Romani l’hanno votata.

Detto ciò.

Un commento su questa storia delle firme va comunque fatta.

Tutti sappiamo (o dovremmo sapere) che le regole per la presentazione delle liste sono farraginose se non criminogene.

E ne fanno le spese tutti quelli che con metodi più o meno raccogliticci devono sottoporsi a queste forche caudine.

Quello che è veramente inaccettabile è il persistere a voler leggere in maniera totalmente diversa lo stesso atto (poniamo un’irregolarità formale nel modulo di raccolta) se fatto da un altro partito e se fatto dal MoVimento, o anche se fatto da una componente del MoVimento non allineata (allineata a chi? a cosa? pare che l’unica regola “vera” sia non stare sul culo di Grillo).

Che risponde alla stessa logica per cui in Parlamento i membri 5S fanno ostinatamente riferimento ai loro emendamenti, alle loro proposte, alle loro iniziative, come le uniche legittime e tutti gli altri ladri farabutti delinquenti.

Che è ad un tempo pericoloso e arrogante.

Ma spiega perfettamente perché i 5S siano predisposti a vedere complotti dappertutto, e perché non possano accettare alcuna mediazione.

c12a9c652a269071f35d13e9a55c0d52


Bad Work

Come sopravvivere ai lavori di merda

La Ragazza Approssimativa

Il blog di una ragazza qualunque, che non sa cucinare, non è fashion e ha la pancetta: una ragazza approssimativa.

Tratto d'unione

Ma cosa c'è dentro un libro? Di solito ci sono delle parole che, se fossero messe tutte in fila su una riga sola, questa riga sarebbe lunga chilometri e per leggerla bisognerebbe camminare molto. (Bruno Munari)

caterinarotondi

Se non combatti per costruire la tua vita non ti rimarrà niente

Chezliza

" Chi beve solo acqua ha un segreto da nascondere."

Uno di Troppo

"Poesie & Pensieri" - Uno Nessuno Cento Me

natangelo

Ogni giorno una vignetta nuova, un fumetto, un disegno. Ogni giorno.

adoraincertablog

...un messaggio in bottiglia....

Pendolante

Il treno è storie, ma anche geografie (liberamente sottratto ad A. Bergonzoni)

lacapufresca

A volte sarà più seriosa A volte sarà più burlesca

Certe luci

non puoi spegnerle

Social? Sí ma con la mente!

Condividiamo idee e valori tutelando la nostra privacy

paracqua

Un buco nell'acqua, mica facile a farsi

intempestivoviandante's Blog

Racconti, teatro, letteratura

Cronache Rosa

di Silvia Fasano Genisio

di Ruderi e di Scrittura

Il blog di Gaetano Barreca

Diario di una turista consapevole

Per chi si sente felice solo con la valigia in mano...