Metro di paragone — adoraincertablog

18 gennaio 2019

E’ difficile, per come va il mondo e per come funziona l’uomo, pensare che possano esistere valori assoluti, verità assolute. Tutto sembra relativo, sembra che le cose vadano sempre considerate in termini di paragone, confrontate con altre cose o situazioni simili per potere fornire una misura che sia accettabile e coerente. In questi giorni mi […]

via Metro di paragone — adoraincertablog

Ecco, anche se ai più questo racconto sembrerà lontano dal nostro hic et nunc, io invece ci trovo molti motivi di riflessione. Anche a proposito di cittadinanza, redditi e pensioni di.

Annunci

L’arrivo di Battisti visto da Ellekappa — www.retecivicaromana.it

16 gennaio 2019

via L’arrivo di Battisti visto da Ellekappa — www.retecivicaromana.it

Un’incontenibile gratitudine — adoraincertablog

10 gennaio 2019

Da dove la prendo la prendo questa notizia mi sfugge. Quindi la strategia del nostro ministro degli interni per non perdere la faccia per avere dimostrato agli occhi del suoi sostenitori assetati di sangue una debolezza se non proprio un barlume di umanità è quello di inventarsi questa storia di un’ospitalità garantita dalla Chiesa Valdese […]

via Un’incontenibile gratitudine — adoraincertablog

Copia cartone

9 gennaio 2019

Quando al liceo un alunno veniva beccato ad aver copiato un compito in classe, il professore di turno immancabilmente suggeriva al malcapitato “almeno di imparare a copiare”.

Anche quella è un’abilità che si può imparare, e può risultare utile anche nella vita lavorativa. Specialmente per facilitare il compito ad un portavoce qualsiasi che deve dimostrare agli – per carità, ben disposti – ascoltatori che in effetti anche se hai fatto esattamente la stessa cosa che due anni fa associavi a bavosi favori ai banchieri, in realtà hai solo agito per proteggere i risparmiatori.

Ma almeno cambiare gli aggettivi, rendere una frase da attiva a passiva, cambiare qualche verbo, no?

cq5dam.web_.738.462

Rudi ruderi

27 dicembre 2018

E’ una notizia in qualche modo già uscita.

Però il leggere chi scrive in maniera così lontana da polemiche a somma zero, tipicamente della politica italiana, spero permetta di mettere un punto alle chiacchiere fini a sé stesse.

E magari da lì ripartire.

Perché da qui – e non è polemica politica – è tutto in discesa verso un depauperamento demografico, e quindi anche economico della città. Un si salvi chi può, urlato da chi al di là dei voti (si vota anche coi piedi, ricordate?), non trova più uno spazio di vivibilità in una città nella quale anche le questioni più banali diventano drammaticamente disfunzionali. Anzi, attivamente (e sciattamente) anti-funzionali. E di più non dirò, delle migliaia di esempi che siamo costretti a tenere presenti. Oppure fare come un caro amico che al mio commento sull’immondizia per strada mi ha detto: “ti devi sforzare di non vedere certe cose, altrimenti non riesci più a viverci”. Esattamente quello che dice il giornalista del NYT. Che è zecca comunista, per certo. Almeno quanto me.

La legge di bilancio è una bomba: col timer al 2020 — Phastidio.net

19 dicembre 2018

Signori, è fatta: la Commissione Ue ci ha “promossi“. Questo per chi ci crede, ovviamente. Per tutti gli […] L’articolo La legge di bilancio è una bomba: col timer al 2020 proviene da Phastidio.net.

via La legge di bilancio è una bomba: col timer al 2020 — Phastidio.net

Siamo passati dal “non cederemo un millimetro”, al “ci hanno promossi”. Col 18 politico, si sarebbe detto una volta.

Comunque – da una parte sono sollevato, pare che non andremo a sbattere contro un muro nelle immediate vicinanze, la lattina l’ha scalciata l’Europa e noi con lei ne siamo contenti.

Anche se si tratta solo di guadagnare tempo, chissà, ci sono sempre gli eventi imponderabili che possono rendere insignificante queste nostre beghe. Può scoppiare una guerra atomica, o potrebbe cadere un meteorite gigante.

Il destino schizzinoso

17 dicembre 2018

Io credo che spesso quel corpo politico che può andare sotto la definizione di Riformista, venga confuso con il Radical chic, con l’intellettuale di sinistra col Rolex, e via discorrendo.

Io trovo personalmente molte difficoltà a incrociarmi con gli insiemi degli intellettuali, specialmente di quelli col Rolex.

E’ che altrettanto mi sentirei a disagio in compagnia di persone che scambiano i fatti con le previsioni o peggio gli auspici.

Dire che l’Italia è destinata ad un futuro multietnico non è né una previsione, né un auspicio. E’ un fatto.

Piaccia o non piaccia, è così.

Poi, ascoltare le chiacchiere di persone che per decenni si sono sciacquate la bocca mattina e sera con i quozienti familiari, e arrivano alle soglie del 2019 con: “oh, la Kyenge ha detto che bisogna accompagnare gli italiani ad accettare il cambiamento demografico, laida comunista!”.

Ma io mi chiedo, ma queste persone gli occhi ce li hanno? E non dico gli occhi per leggere le statistiche demografiche che da trent’anni dicono sempre la stessa cosa, no, gli occhi per guardare le loro città.

Ma lo vedranno sì o no, che in tutte le classi delle elementari c’è una media di 5 bambini “stranieri” (si fa per dire, quando i genitori sono in Italia da vent’anni) su 20.

Bambini, che poi, di straniero hanno poco, magari hanno gli occhi a mandorla ma parlano in dialetto stretto.

Dovrebbe chiamarsi integrazione sia che al polso abbiate un Rolex sia che no.

Ma forse il problema è la coscienza della propria fragilità culturale, solo così si spiega la vile cattiveria con cui si rifiuta di aiutare chi ha più bisogno. Oggi. Ma domani lo stesso potrebbe applicare la vile cattiveria a parti invertite, perché – ehi – glielo avrete insegnato voi.

Patria Eredità

14 dicembre 2018

https://www.internazionale.it/opinione/igiaba-scego/2015/08/06/faccetta-nera-razzismo

Gilet in giallo

12 dicembre 2018

https://www.linkiesta.it/it/article/2018/12/12/europa-attenta-assecondare-i-gilet-gialli-ci-portera-alla-rovina/40416/

Pillola#196 – Ascanio Celestini — Fools Journal

11 dicembre 2018

“Salvini è uno specchio. Bisogna tenerlo come punto di riferimento per non fare come lui, per non diventare quella roba là, per questo è mostruoso, perché dice e fa delle cose che noi dovremmo evitare in maniera anche molto determinata. È il mostro che incontravamo al bar e pensavamo: no, dai, mica le pensa ste’ […]

via Pillola#196 – Ascanio Celestini — Fools Journal


Intanto in Tedeschia...

Avventure di una mamma Piemontese in Baviera

Palomar

Il blog della Fondazione Istituto Piemontese Antonio Gramsci

www.retecivicaromana.it

Un gruppo aperto per la città del domani

il tempo di un caffè

riflessioni leggere in un mondo un po' pesante

Marmellata di pensieri

Cosa dice la mia testa

Blog di Demonio

Storie e riflessioni di un povero diavolo

Viaggiando con Bea

E' bello raccontarvi dei miei viaggi e dei miei esperimenti tra i fornelli

Grafemi

Segni, parole, significato.

Italian Matrioshka

Un'italiana e la Russia

Umarells

Sono tanti, vivono in mezzo a noi, ci osservano e noi osserviamo loro. da un'intuizione di Danilo Masotti

Lucy the Wombat

Un blog dall'Australia. Cose belle e disagio, strani posti e creature, tanta meraviglia e un po' di assurdo. E un vombato contro lo stress post-traumatico, dopo quella notte parigina.

Pensieri spelacchiati

Un piccolo giro nel mio mondo spelacchiato.

Doduck

Lo stagismo è il primo passo per la conquista del mondo.

Far di Conto

Piccoli numeri e liberi pensieri

il pensiero di oggi

Rubrica di pensieri quotidiani di www.miknet.it il sito di Mik (Michele Lecchi)